Caro Instagrammer, oggi parleremo di una delle più strane tendenze emerse quest’estate: il passaggio volontario di molti account Instagram, da profilo pubblico a profilo privato.

Come la maggior parte delle tendenze inerenti al mondo Instagram, anche questa ha preso il via negli USA, dove molti profili di grandi dimensioni, anche con milioni di follower, hanno preso questa decisione.

Perchè sempre più profili Instagram scelgono di nascondere i loro contenuti al mondo (e quindi ai potenziali nuovi follower)?

In questo articolo vediamo insieme i motivi per cui molti account Instagram stanno diventando privati e se sia o meno una buona strategia.

Perché molti account Instagram stanno diventando privati

Prima di proseguire è giusto fare una veloce digressione sulla tipologia di account Instagram che ha dato vita alla tendenza del passaggio ad account privato: gli account di meme.

Che cos’è un meme? 

Il meme, per dare una spiegazione semplice, è tormentone che si diffonde in maniera virale e spontanea sui social network. Può essere un’immagine, una frase, un video, una foto molto speso divertente, stupida o sciocca.

Si tratta di un contenuto altamente virale che vive e prolifera grazie alla catena di condivisioni che si crea sui social network.

Esistono numerosi account Instagram dedicati ai meme come ad esempio @thefunnyintrovert e @sonny5ideup.

A partire dall’inizio del 2018, molti account Instagram dedicati ai meme hanno iniziato a rendere i loro profili privati, costringendo i non-follower a richiedere l’accesso alla pagina prima di poter visualizzare i post.

Il fenomeno si è diffuso così tanto che anche altri profili Instagram hanno cominciato ad adottare la medesima strategia.

Everlane è un brand di moda molto popolare su Instagram, noto per aver tirato fuori diverse strategie per promuovere le sue nuove collezioni, anche rendere l’account Instagram momentaneamente privato.

In un mondo dove l’estetica e il feed di Instagram sono tutto, perché diventare privati?

Di seguito diversi motivi per cui alcuni account utilizzano questa strategia.

Rendere privato il profilo Instagram per ottenere più follower

Questa motivazione è sicuramente la più importante. Secondo diversi account Instagram, il motivo principale per cui sono diventati privati ​​è perché li aiuta ad attrarre nuovi follower.

L’idea è che rendendo il tuo account privato, quando uno dei tuoi follower condivide il tuo post con un suo amico, quella persona deve per forza di cose seguirti per vederlo.

D’altra parte, se il tuo account è pubblico, quel potenziale follower potrebbe semplicemente visualizzare il post nei loro DM e poi proseguire senza seguirti.

C’è poi anche il fattore “mistero”. Diventare privato su Instagram è un po’ come mettere una corda di velluto rosso davanti al tuo account che attira la curiosità delle persone.

Se qualcuno giunge sul tuo profilo e vede che sei privato ma hai milioni di follower, c’è una forte possibilità che schiacceranno il pulsante Segui – ci deve essere una ragione se hai così tanti follower, giusto?

E a quanto pare, questa strategia funziona.

Secondo l’intervista di The Atlantic a Reid Hailey, il fondatore di Doing Things un popolare account Instagram dedicato ai meme, prima di rendere privato uno dei suoi account, aveva “una media di crescita parti a 10.000 nuovi follower a settimana. Una volta reso l’account privato, il numero è salito a 100.000”.

Anche Elliot Tebele, il fondatore dell’account meme @fuckjerry, ha confermato la tesi di Hailey. “L’ho testato una o due volte per vedere e funziona”, ha detto Tebele in un’intervista con The Atlantic.

Rendere privato il profilo Instagram per aiutare la follower retention

Un secondo motivo (simile al primo) per cui un account di grandi dimensioni su Instagram dovrebbe diventare privato è perché questo aiuterebbe a impedire ai propri follower di smettere di seguire il profilo.

Seguire un account Instagram pubblico è semplice, ma come osserva la giornalista di The Atlantic, Taylor Lorenz, “quando un utente smette di seguire un account privato, appare un pop-up che chiede loro se vogliono veramente fare quel passo, ricordando loro che se lo faranno dovranno richiedere l’accesso qualora dovessero cambiare idea. Molte persone trovano più facile continuare a seguire”.

Rendere privato il profilo Instagram per proteggere i propri contenuti

Un altro motivo per cui i grandi account diventano privati ​​su Instagram è per “proteggere” i loro contenuti.

L’idea è che rendendo privato il tuo account, ottieni un ulteriore livello di controllo su chi può vedere e interagire con i tuoi contenuti.

È difficile dire quanto sia efficace questa strategia per impedire ad altri account di rubare i tuoi contenuti, ma sicuramente ti darà più controllo sul tuo account.

Inoltre, se si dispone di un account Instagram privato e si blocca un utente, questo non sarà più in grado di interagire con il tuo account (al contrario di un account Instagram pubblico che sarà sempre accessibile dal Web e da altri profili).

Rendere privato il profilo Instagram per evitare di essere segnalati

Instagram sta diventando sempre più severo con chi infrange i suoi Termini di Servizio; alcuni account, in questo caso, soprattutto quelli dedicati ai meme, decidono di diventare privati ​​semplicemente per evitare di essere segnalati.

Questo è più spesso il caso degli account che postano (in modo discutibile) contenuti offensivi.

Fondamentalmente, l’idea è che diventanto privati, questi account possono evitare di essere segnalati (e probabilmente vietati) da persone che trovano il loro contenuti indecenti e/o offensivi.

Rendere il proprio profilo privato, è la strategia giuta?

La risposta a questa domnada è un po’ complicata.

Sebbene tutti i punti sopra riportati siano validi in una certa misura, il motivo per cui la strategia di rendere gli account Instagram funziona per i profili di grandi dimensioni è proprio perchè sono di grandi dimensioni.

Account come @thefunnyintrovert e @sonny5ideup possono permettersi di diventare privati ​​perché hanno già milioni di follower. Per loro non è necessario implementare le normali strategie di crescita di Instagram utilizzate dalla maggior parte degli account.

Tutto quello che devono fare è pubblicare contenuti coinvolgenti e continueranno a crescere. In altre parole, sono troppo grandi per fallire.

Questo ha a che fare anche con il tipo di contenuto che pubblicano. Gli account dei meme creano contenuti che devono essere estremamente condivisibili.

È così che crescono: spingendo i loro follower a condividere i loro post con altri utenti.

La stessa strategia probabilmente non funzionerà con i normali utenti di Instagram – brand e aziende incluse.

Quando rendi il ​​tuo account Instagram privato, i tuoi post non appaiono più nella pagina Esplora. E inoltre non appariranno sotto nessuno degli hashtag che usi.

A meno che tu non sia già grande, hai molte più probabilità di ottenere nuovi follower attraverso gli hashtag, le Storie e naturalmente, atterrando sulla pagina Esplora.

Conclusione

Qual’è dunque il verdetto? Rendere il proprio account Instagram privato è una strategia vincente, sì o no?

Come già detto, questa strategia può essere efficace per i grandi account, mentre è molto probabilmente una strategia dannosa per la maggior parte degli account medi e piccoli.

Al di fuori di circostanze molto specifiche (come quelle descritte sopra), è meglio per te mantenere il tuo account pubblico e concentrarti su altri modi per attirare nuovi follower!

Vuoi Aumentare i Tuoi Follower su Instagram?

Scopri grazie all intelligenza artificiale come diventare il prossimo influencer